Anche Arcidosso sarà teleriscaldato con la geotermia

La Giunta del comune dell’Amiata ha dato il suo ok al progetto esecutivo per la realizzazione del sistema di teleriscaldamento. Il territorio beneficerà di energia termica green, proveniente dal campo geotermico di Enel Green Power, grazie a un progetto da oltre 29 milioni di euro, per il quale il comune ha ottenuto 15 milioni dal Pnrr. I lavori prenderanno il via entro la fine di agosto.

Dal MASE altri 67 milioni per il teleriscaldamento

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica ha pubblicato il decreto per incentivare la realizzazione di 26 nuovi progetti di sistemi di distribuzione del calore per un valore di circa 67 milioni di euro. I fondi sono parte della misura PNRR per favorire lo sviluppo della tecnologia del teleriscaldamento, strategica per la decarbonizzazione delle città.

FIPER scrive al governo: i fondi del PNRR al teleriscaldamento rinnovabile

Circa la metà dei finanziamenti destinati ai progetti di teleriscaldamento con cogenerazione ad alto rendimento vincitori del bando dello scorso dicembre non saranno assegnati perché la Commissione Europea non intende destinare risorse PNRR al teleriscaldamento da fonti fossili. Da qui la richiesta della Federazione di riallocare velocemente queste risorse, pari a 100 milioni di euro, al teleriscaldamento da fonti rinnovabili.

FIPER chiede al governo più risorse per il teleriscaldamento efficiente

Meno della metà di quelli presentati sono i progetti per lo sviluppo del teleriscaldamento efficiente che hanno ottenuto i finanziamenti previsti dal PNRR, a causa delle poche risorse messe a disposizione. Per questo il presidente di FIPER, Walter Righini, ha inviato una missiva al ministro Pichetto Fratin per invitarlo a prendere in considerazione la possibilità di stanziare ulteriori fondi per promuovere la tecnologia.

Teleriscaldamento efficiente: arrivano i fondi

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha pubblicato la graduatoria dei progetti che beneficeranno delle risorse messe a disposizione dal PNRR per lo sviluppo dei sistemi efficienti. Sono però solo 29 i progetti finanziati, su 118 presentati, a causa della bassa dotazione finanziaria, in totale 200 milioni, insufficiente a coprire l’intera domanda pari a circa 550 milioni. Da qui l’appello di FIPER al ministro Pichetto Fratin a trovare nuove risorse

Pubblicato l’Avviso pubblico per gli incentivi PNRR per il teleriscaldamento

Arrivato l’Avviso pubblico per la presentazione delle proposte per accedere ai finanziamenti per un totale di 200 milioni previsti dal PNRR per lo sviluppo di sistemi di teleriscaldamento o teleraffrescamento efficiente. Le domande possono essere presentate fino al 6 ottobre attraverso il portale accessibile dall’Area Clienti del sito del GSE

I comuni della Valtellina puntano sul teleriscaldamento a biomassa

Tovo, Mazzo di Valtellina e Lovero hanno scelto di dotarsi di un sistema di teleriscaldamento alimentato a biomassa legnosa per il loro approvvigionamento di energia termica. Un progetto 100% green, che sfrutterà la biomassa derivante dalla gestione dei boschi, rendendo le tre località indipendenti dalle fonti fossili e promuovendo l’economia circolare. A supportarli nel progetto FIPER e il Politecnico di Milano come partner tecnico.

Estendere il Superbonus al teleriscaldamento efficiente. La richiesta di Airu al governo

In una lettera inviata al governo, l’associazione chiede di rivedere l’articolo 119 del Decreto Rilancio in discussione alla Camera, che riconosce l’incentivo fiscale previsto per gli interventi di efficienza energetica solo ad alcuni comuni montani che si allacciano alla rete di teleriscaldamento. Ne sarebbero escluse le città, proprio le aree dove il teleriscaldamento efficiente può dare il maggior contributo ad abbattere le emissioni climalteranti e favorire la transizione energetica

Progetto europeo TEMPO: il teleriscaldamento a bassa temperatura

Innovazioni tecnologiche per la digitalizzazione dei sistemi di teleriscaldamento a bassa temperatura. Questo il focus del workshop all’interno del progetto europeo TEMPO (Temperature Optimisation for Low Temperature District Heating across Europe) di giovedì 7 Novembre 2019 organizzato da A2A Calore e Servizi ed Euroheat & Power / DHC + presso l’Auditorium del termoutilizzatore di Brescia

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete