Roberto Raiola nominato nuovo amministratore delegato di Società Gasdotti Italia

Cambio al vertice della società, secondo operatore di trasporto gas in Italia. Raiola, che assume anche la carica di direttore generale, guiderà la realizzazione del piano decennale di sviluppo delle reti, che prevede investimenti per oltre 400 milioni di euro. Tra i progetti più importanti, la conversione hydrogen-ready dei gasdotti e l’hydrogen valley a Frosinone.

Società Gasdotti Italia: arriva un finanziamento da 60 milioni

Abrdn ha varato un prestito da 60 milioni di euro per conto del partner Phoenix Group al secondo operatore italiano del trasporto del gas naturale. Le risorse, oltre che per rifinanziare un debito esistente, saranno utilizzate per sostenere nuovi investimenti. Tra questi: il rinnovo dell’infrastruttura esistente per preparare la rete al trasporto dell’idrogeno, la sua estensione e la costruzione di una nuova stazione di compressione

Macquarie cede Società Gasdotti Italia a Ontario Teachers

Rivoluzione nell’assetto di controllo del secondo operatore italiano nel trasporto gas. Macquarie, che aveva acquisito la società nel 2016 in consorzio con Swiss Life, ha ceduto la sua quota di partecipazioni, pari al 69,4% del capitale azionario, al fondo canadese Ontario Teachers’ Pension Plan Board che promette nuovi investimenti per la crescita

Sgi avvia l’iter per la stazione di spinta del gas naturale nelle Marche

I lavori, se l’iter autorizzativo procederà senza intoppi, inizieranno nel 2022 per mettere in servizio l’impianto entro la fine dell’anno successivo. La stazione sorgerà nel comune di Corridonia e sarà composta da due compressori con motore elettrico che comprimeranno il gas per trasportarlo alla nuova interconnessione con la rete Snam a Recanati o alla rete della stessa Sgi. Un’opera da 42 milioni che renderà la rete adriatica più efficiente

La Commissione europea dà l’ok a Sardinia Newco

È arrivato il via libera di Bruxelles alla creazione della joint-venture tra Snam e Società gasdotti Italia, che si occuperà della costruzione e gestione della Dorsale sarda, il grande gasdotto che garantirà l’approvvigionamento di metano a tutta l’isola. L’operazione, è il giudizio dei tecnici europei, non pone problemi sotto il profilo della concorrenza

Via libera dal Mise al gasdotto Larino-Chieti di Sgi

L’infrastruttura si estenderà per 111 km e completerà la dorsale adriatica di Società gasdotti Italia (Sgi), secondo trasportatore di gas in Italia e società che ha proposto il progetto. L’opera, collegando pozzi e stoccaggi esistenti o da realizzare con la rete nazionale di Snam, permetterà di creare un sistema integrato del trasporto gas nel centro Italia

Due contendenti per il metanodotto sardo

Di “Snam” e “Società gasdotti Italia” i due progetti tra i quali il ministero dello Sviluppo economico dovrà scegliere per la realizzazione delle grandi dorsali che traporteranno il gas naturale liquefatto, dopo l’approdo nei porti, lungo tutta la Sardegna. Gli iter autorizzativi, però, procedono a rilento e rischiano di far slittare l’avvio dell’opera, che si svilupperà complessivamente per 6000 chilometri, con un investimento di 1,5 miliardi di euro.

Società gasdotti Italia presenta il progetto della dorsale sarda del gas

Sarà pronta entro il 2025 e si estenderà per oltre 400 chilometri l’infrastruttura di trasporto del gas naturale che la società si appresta a realizzare sull’Isola. La rete verrà sviluppata in tre diverse fasi, della quali la prima, che riguarda la costruzione delle tratte da Sarroch verso Oristano e da Cagliari al Sulcis, sarà completata entro il 2019-2010. La spesa complessiva del progetto è di circa 400 milioni di euro

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete