I progetti di AICA per efficientare il ciclo idrico nell’agrigentino

Sono diversi i progetti che l’azienda sta portando avanti in tutto il suo territorio, che comprende Agrigento e i comuni della sua provincia, per superare vecchie lacune e migliorare la qualità del servizio. Tra questi il depuratore di Montevago, le opere di rifacimento delle reti idriche e dei collettori fognari che interessano oltre 20 comuni, gli interventi finanziati dal PNRR per la riduzione delle perdite di rete e l’ottimizzazione del sistema di distribuzione del capoluogo.

Acoset avvia la lotta alle perdite idriche

Due le offerte presentate per la gara bandita dal gestore idrico di 20 comuni della fascia pedemontana etnea finalizzata alla riduzione delle perdite su oltre 2000 chilometri di condotte gestite. Finanziato con 6 milioni di euro del Pnrr, il progetto prevede la digitalizzazione e distrettualizzazione delle infrastrutture, compresa la posa di smart meter e importanti opere di sostituzione e recupero di condotte privilegiando le tecnologie no-dig.

AqA completa la distrettualizzazione di Castiglione delle Stiviere

Partito a fine 2020 il progetto ha portato alla suddivisione della rete in 12 distretti che permetteranno di avere un controllo avanzato dell’infrastruttura, contribuendo alla lotta alle perdite. L’intervento, del valore complessivo, di 1,2 milioni di euro, ha visto l’installazione di apparecchiature per la regolazione della pressione e il monitoraggio delle portate, che forniranno un contributo importante anche nella riduzione delle perdite.

Webinar | Il monitoraggio di Gruppo CAP per l’ottimizzazione degli acquedotti: verso la copertura totale della rete gestita

Il miglioramento dell’indicatore M1 di ARERA sulle perdite idriche si ottiene attraverso investimenti nella gestione ottimale delle pressioni, la messa a punto di tecniche di ricerca perdite innovative, la sostituzione delle reti idriche e l’ammodernamento del parco contatori. Le perdite idriche rappresentano un problema importante nelle reti del territorio in quanto difficili da individuare e spesso non visibili in superficie. In questo ambito le tecnologie, come l’intelligenza artificiale, possono supportare i gestori per rendere smart le reti e gli impianti.

Iren: 44 milioni contro i blackout elettrici a Torino

Rinnovo delle reti di media tensione e delle cabine secondarie: è quanto prevede il progetto della multiutility per rendere l’infrastruttura del capoluogo piemontese più resiliente e ridurre le interruzioni di servizio causate da eventi climatici. Gli interventi, per i quali è partito il bando, saranno conclusi entro il 2026 e sono finanziati per 33,1 milioni da fondi PNRR.

Piave Servizi realizza una nuova adduttrice per Gorgo al Monticano

Il progetto messo a punto dal gestore prevede la posa di una nuova condotta per un’estensione di circa 2 chilometri in sostituzione di quella esistente, soggetta a dispendiose rotture e sottodimensionata rispetto alle esigenze del comune della provincia di Treviso. Oltre a porre fine allo spreco di acqua, consentirà di ridurre i costi energetici di gestione

CAFC: grandi investimenti per il biennio 2022-2023

24 i milioni investiti dal gestore idrico della provincia di Udine lo scorso anno e 25 sono quelli programmati per l’anno in corso. Risorse che permetteranno di portare avanti l’opera di efficientamento delle reti idriche, con particolare occhio alla riduzione delle perdite, di potenziare il sistema fognario e migliorare la gestione economica e funzionale dei depuratori. Grande attenzione alla sostenibilità, con l’obiettivo di raggiungere la neutralità carbonica entro il 2027

Webinar | Gruppo CAP: il Digital Twin

Gruppo CAP è da sempre in prima linea nell’innovazione di processo-prodotto per conseguire obiettivi sempre migliori di sostenibilità socioeconomica ed ambientale delle proprie molteplici attività. Oggi le teorie, paradigmi e metodi della trasformazione digitale consentono di disegnare un futuro della gestione degli acquedotti supportato da strumenti informatici che siano in grado di organizzare e dare valore ai dati di campo, che, peraltro, sono sempre più numerosi grazie all’avanzamento delle tecnologie. La modellizzazione idraulica avanzata è alla base della simulazione “realistica” del comportamento idraulico degli acquedotti.

Dal Mims investimenti per 3,9 miliardi nell’idrico

Pubblicato il primo Rapporto su investimenti e riforme per le infrastrutture idriche, che fa il punto sull’attività del governo, e in particolare del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile sul fronte acqua. Stanziate risorse per quasi 4 miliardi, dei quali 2,9 dal PNRR, per potenziare e migliorare il sistema idrico nazionale, con il 60% dei fondi destinato al Meridione, l’area dove si concentrano le maggiori criticità e ritardi

Nuove Acque va avanti con la distrettualizzazione delle reti

10 i comuni della provincia di Arezzo interessati dai nuovi interventi finalizzati alla riduzione delle perdite idriche per un investimento che sfiora il mezzo milione di euro. Obiettivo che il gestore idrico sta perseguendo, innanzitutto, attraverso la distrettualizzazione delle infrastrutture di distribuzione e l’ottimizzazione delle pressioni delle reti

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete