Utilitalia: 7,2 miliardi di euro contro le crisi idriche

La Federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche italiane ha fatto il calcolo degli investimenti in infrastrutture necessari per arginare il problema delle crisi idriche provocate dalla siccità. La quota maggiore di risorse, 3,9 miliardi, andrebbe destinata a Sud e isole dove le criticità e le carenze sono maggiori, seguite dal Centro, 1,9 miliardi, e dal Nord, 1,2 miliardi

Ciclo idrico: il Sud ancora al palo

Lo dicono i dati che saranno pubblicati sul prossimo Blue Book, lo studio annuale promosso da Utilitalia sullo stato di salute di acquedotti e reti, anticipati dal presidente della Federazione, Giovanni Valotti. Nel meridione ancora reti con livelli di perdite del 50%, mentre stenta a decollare l’aggregazione tra gestori. Una situazione che si riflette sugli investimenti e, quindi, sullo stato delle infrastrutture

Assemblea UTILITALIA: conferme e nuove nomine

All’assemblea di Utilitalia, svoltasi a Roma il 27 giugno scorso, tutti gli organi nominati sono stati eletti all’unanimità. Giovanni Valotti è stato confermato presidente per altri tre anni. “E’ fondamentale – si legge nel documento approvato dall’Assemblea – declinare le strategie nazionali, nelle scelte regionali e locali, specialmente nei comparti dell’energia, dell’ambiente e delle risorse idriche.

Utilitalia e ANCI per il futuro dei servizi pubblici

L’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani e la Federazione delle imprese di acqua ambiente ed energia hanno sottoscritto un accordo per la costituzione di un Comitato congiunto che si occuperà di analizzare e promuovere lo sviluppo e l’innovazione nel campo dei servizi pubblici. Tra le prime sfide, gli investimenti infrastrutturali nei settori energetici, idrici e ambientali

A2A guarda oltre i confini lombardi

Il presidente del gruppo, Giovanni Valotti, non ha escluso che nel futuro ci possano essere alleanze anche con realtà attive in altre regioni, anche se la priorità resta la continuità territoriale, attraverso lo sviluppo di sinergie con imprese di medie dimensioni. Intanto la multiutility si prepara alle nuove sfide, a cominciare dalla gara per la concessione del gas a Milano

Per A2A la partita Acsm-Agam è ancora aperta

La multiutility milanese, dopo che lo scorso aprile il Comune di Como ha opposto il suo veto all’Opa che le avrebbe consentito di rilevare la maggioranza assoluta di Acsm-Agam, sta studiando nuove soluzioni che le consentano di salire nel capitale azionario dell’azienda. Tra le varie ipotesi, anche la possibilità che A2A acquisisca per intero la quota in mano all’amministrazione lariana

Occorrono 5 miliardi di euro l’anno per rigenerare le reti

A ribadirlo è Giovanni Valotti, presidente di Utilitalia, che ha sottolineato come gli investimenti realizzati annualmente in realtà ammontino a circa solo un terzo di tale cifra. Risorse che servirebbero per avviare un recovery plan indispensabile per ridurre il livello delle perdite degli acquedotti, che si aggira sul 40%, e le carenze strutturali nel campo della depurazione.

A2A punta a rafforzarsi all’estero

Balcani, Medio Oriente e Nord Africa sono le principali aree individuate dalla multiutility per proseguire il suo percorso di sviluppo all’estero. Nel mirino anche dieci Paesi europei con l’obiettivo di sviluppare partnership nel settore ambientale. Per quanto riguarda l’Italia, il focus resta la Lombardia, dove sono state già individuate quattro aziende target.

Ammonta a 120 miliardi il volume di affari delle prime 100 utility

Il dato, riferito al 2014, si legge nella nuova edizione del rapporto Top Utility Analysis promosso da Utilitalia, che fa il quadro del settore dei pubblici servizi. Dallo studio emerge come le 100 migliori società, classifica in cima alla quale si piazza Marche Multiservizi, diano lavoro a 131.000 persone, contribuendo al 7,4% del Pil, con investimenti per 4,1 miliardi di euro.

Nasce il “Banco dell’Energia”

Il Presidente di A2A Giovanni Valotti ha annunciato la creazione di un nuovo piano solidale della multiutility, il “Banco dell’Energia”. Gli utenti potranno donare un metro cubo di gas per contribuire a pagare la bolletta alle famiglie in difficoltà. A2A è già all’opera e conta di avviare questo nuovo progetto già dal 2016.

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete