ETRA: arrivano cento milioni dalla BEI

Le risorse andranno a supportare gli interventi della multiutility veneta per potenziare l’approvvigionamento idrico, le reti e gli impianti di riciclaggio dei rifiuti.

ETRA: crescono ancora gli investimenti

Dopo gli 80 milioni del 2023, la multiutility ha previsto investimenti per quasi 110 milioni per l’anno in corso. 70 dei quali sono destinati al ciclo idrico, per realizzare diversi progetti, tra i quali la messa in sicurezza del sistema idrico dell’Altopiano di Asiago, 30 ai servizi ambientali e 9 per l’acquisto di nuovi mezzi a basso impatto ambientale.

ETRA completa il risanamento del collettore a Vigonza

È stato effettuato con la tecnica del relining il rispristino idraulico e strutturale della porzione di collettore fognario che scorre sotto la Provinciale 88 nel comune del padovano. La condotta, che convoglia a depurazione i reflui di sette comuni, era in forte stato di ammaloramento e negli ultimi anni era stata interessata da diversi episodi di cedimento.

ETRA estende la rete fognaria a Schiavon

I lavori prevedono la posa di circa 1,7 chilometri di condotte per garantire il servizio di raccolta e collettamento dei reflui alle porzioni del comune della provincia di Vicenza che ancora ne sono prive. L’intervento, del costo di 1,1 milioni di euro, si inserisce nel più ampio programma di estensione dell’infrastruttura fognaria che il gestore idrico del bacino del Brenta sta portando avanti in tutto il territorio.

Con il suo programma di economia circolare Etra ricicla anche le sabbie

Nell’impianto di Limena, a pochi chilometri da Padova, della multiutility del Brenta, anche le sabbie da spazzamento e da dissabbiatura della fognatura dagli impianti di depurazione, destinate alla discarica e all’incenerimento, vengono avviate al loro riutilizzo. Una pratica virtuosa, poco diffusa nel resto della Penisola, che solo lo scorso anno ha portato a seconda vita 3500 tonnellate di materiali.

I gestori veneti fanno squadra per tutelare la qualità e la sicurezza dell’acqua

I 13 gestori idrici hanno unito le loro forze per arrivare allo sviluppo di un Piano di sicurezza dell’acqua applicabile a tutta la regione. Le metodologie condivise sono state testate sull’impianto acquedottistico di Villaverla, per valutarne l’efficacia sulla fase di captazione e analizzare eventuali rischi e azioni da apportare per tutelare la risorsa. Un risultato frutto di 4 anni di lavoro, che ha permesso di instaurare una rete di collaborazione strategica per affrontare le sfide comuni

ETRA va avanti con la sostituzione dei contatori idrici

Partita la nuova campagna di sostituzione dei vecchi contatori della multiutility del bacino del Brenta, che ha come obiettivo di rinnovare l’intero parco misuratori entro la metà del 2025. Già 89.000 i nuovi misuratori installati, 37.000 dei quali costituiti da smart meter, e altri 50.000 verranno installati quest’anno presso le utenze di 70 comuni

ETRA produce biometano dai rifiuti urbani domestici

La multiutility veneta ha dotato il suo Polo Rifiuti di Bassano del Grappa di un impianto per la purificazione del biogas generato dal trattamento della frazione umida dei rifiuti domestici in biometano. L’impianto genera 3 milioni di metri cubi l’anno di gas green che vengono immessi nella rete di Snam. Il progetto dell’azienda è di replicare l’iniziativa in altri due siti e utilizzare parte del combustibile per alimentare i mezzi per la raccolta

Viveracqua: emesso il nuovo Hydrobond da 148,5 milioni

Conclusa con successo la nuova emissione obbligazionaria che andrà a sostenere il piano di investimenti da 350 milioni di euro nei prossimi quattro anni di sei società consorziate. Le risorse, in particolare, andranno a interventi di miglioramento di reti fognarie e impianti di depurazione. Ad aderire all’operazione Banca Europea per gli Investimenti, Cassa Depositi e Prestiti e Kommunalkredit Austria

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete