Marche Multiservizi: arrivano i fondi Pnrr

Il progetto della multiutility è stato ammesso al finanziamento e riceverà 19,5 milioni di euro, a copertura di una serie di interventi per un valore di 27,5 milioni, che permetteranno di efficientare ammodernare e digitalizzare le sue infrastrutture idriche.

Bim Gsp avvia la distrettualizzazione di Agordo

Con l’installazione delle nuove valvole idriche il gestore ha avviato il sezionamento della rete di distribuzione del comune bellunese. L’intervento è parte del grande piano per abbattere, del 15%, entro il 2025, le perdite idriche in 16 comuni.

Lario reti Holding programma investimenti per 35 milioni per il 2024

Il budget per l’anno in corso del gestore idrico della provincia di Lecco conferma l’alto volume di investimenti, pari a 105 euro per abitante, secondo il trend in atto negli ultimi nove anni. L’ammodernamento dell’Acquedotto Brianteo, il collettamento dei reflui da Oliveto Lario verso il depuratore di Valmadrera e la dismissione del depuratore di Imbersago sono i principali interventi in programma, senza trascurare la digitalizzazione e distrettualizzazione delle reti per la riduzione delle perdite.

Abbanoa: assegnata la gara per l’efficientamento della Gallura

È la spagnola Acciona Agua ad essersi aggiudicata il bando per la riduzione delle perdite idriche in 15 comuni della Sardegna, tra quelli che presentano le maggiori criticità. I lavori, del valore di 43 milioni di euro, andranno avanti per un anno e mezzo e comprenderanno, oltre alla sostituzione delle condotte ammalorate, la distrettualizzazione, la digitalizzazione e il monitoraggio delle infrastrutture.

Avanza il piano di digitalizzazione di SASI

Ingegnerizzazione delle reti e abbattimento delle perdite: in questi due ambiti si stanno concentrando gli sforzi del gestore idrico della provincia di Chieti. Tra gli interventi introdotti vi sono: l’impiego di un sistema per il controllo avanzato delle infrastrutture, la distrettualizzazione delle reti di 16 comuni e l’installazione di 20.000 smart metering finanziati dal PNRR. In attesa dei fondi del bando PNISSI, a cui SASI ha partecipato con un progetto per la distrettualizzazione di 71 comuni.

Acoset avvia la lotta alle perdite idriche

Due le offerte presentate per la gara bandita dal gestore idrico di 20 comuni della fascia pedemontana etnea finalizzata alla riduzione delle perdite su oltre 2000 chilometri di condotte gestite. Finanziato con 6 milioni di euro del Pnrr, il progetto prevede la digitalizzazione e distrettualizzazione delle infrastrutture, compresa la posa di smart meter e importanti opere di sostituzione e recupero di condotte privilegiando le tecnologie no-dig.

AMAM: presentati progetti per 113 milioni per efficientare il ciclo idrico a Messina

È un bilancio importante quello dei progetti presentati nel semestre maggio-ottobre dal gestore idrico per beneficiare dei fondi PNRR e FSC finalizzati a migliorare l’intero ciclo idrico in tutta la città. 13 i progetti proposti, che comprendono opere per la riduzione delle perdite, il completamento della distrettualizzazione delle reti, l’ammodernamento dei serbatoi, il potenziamento del sistema fognario e la risoluzione dei problemi di inquinamento dei torrenti

Regione Calabria: 12 milioni per efficientare le reti di distribuzione

È stato siglato l’Accordo di Programma che consentirà di dare il via alle gare per efficientare le reti di distribuzione dei 24 comuni della provincia di Cosenza serviti dall’acquedotto Abatemarco, il maggiore sistema idrico calabrese. Le risorse permetteranno di effettuare lo studio, la mappatura e la distrettualizzazione delle reti e sviluppare un modello matematico del loro funzionamento per mettere a punto il programma di interventi.

Acquedotto Pugliese dà il via a Risanamento 3

80 milioni di investimenti per sostituire oltre 155 chilometri di condotte in 21 comuni. Sono i numeri del nuovo piano per il risanamento delle reti idriche messo in campo dal gestore idrico pugliese, che include anche interventi per la distrettualizzazione, il controllo e il monitoraggio delle pressioni delle infrastrutture. Suddiviso in 6 lotti, il programma, che ha appena preso il via, si concluderà per la fine del 2022.

Investimenti per 3,7 miliardi di euro nel nuovo piano industriale di Iren

Crescere a livello nazionale e diventare tra i maggiori operatori nel comparto ambientale gli obiettivi del nuovo piano industriale di Iren. Il documento incrementa del 12% gli investimenti, rispetto all’ultimo piano, con circa 600 milioni di euro all’anno fino al 2025. Suo perno centrale sarà la multicircle economy, una visione industriale a lungo termine focalizzata sull’uso consapevole ed efficiente delle risorse che enfatizza la natura multi-business del Gruppo.

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete