23/01/2023
Servizi a Rete

PNRR, Acqua in rete Bacchiglione realizzerà una rete idrica sempre più intelligente grazie a 33 milioni di euro

Il PNRR premia la rete di gestori dell’Ato Bacchiglione
e il progetto “Sustainable water management”

Un atteso e importante risultato per l’ATO e i tre gestori idrici, ottenuto grazie alla partnership dei gestori “Acqua in Rete Bacchiglione” siglata lo scorso 30 dicembre. “Unire le forze di tre importanti aziende del territorio ha permesso di raggiungere un obiettivo fondamentale per la tutela di un bene primario come l’acqua, quale risorsa indispensabile da preservare” sottolinea Paolo Centofante, Presidente del Consiglio di Bacino Bacchiglione.

Si tratta di un progetto strategico nato da un percorso già attivato dalla Rete nell’ambito della salvaguardia della risorsa idrica, dell’attenzione ai consumi energetici e della tutela delle fonti di approvvigionamento. Grazie all’intervento, infatti, si prevede di diminuire del 35% le perdite idriche nella rete di tutti i territori di riferimento entro il 2026 e quindi di risparmiare, in 5 anni, 13milioni di metri cubi di acqua che altrimenti sarebbero dispersi.

I 33milioni di euro del PNRR, infatti, finanzieranno un progetto complessivo di 40milioni, supportando progetti di digitalizzazione, modellazione, gestione della pressione ed asset management che interagiscono in modo sinergico e complementare con lo scopo di diminuire le perdite, i consumi energetici e garantire il miglioramento delle condizioni di approvvigionamento.

Tecnologia e innovazione sono leve strategiche per rispondere alle esigenze di un territorio e alle sfide con cui tutti ci dobbiamo confrontare dal punto di vista ambientale. Un posizionamento così prestigioso nella graduatoria nazionale testimonia in forma concreta come la condivisione delle competenze e della visione che “Acqua in Rete” ha messo in campo ci abbia premiato con un risultato che singolarmente non si sarebbe potuto raggiungere” spiega Roberto Gasparetto, Amministratore Delegato di AcegasApsAmga.

 

I progetti tecnici

Il progetto “Sustainable water management” prevede l’installazione di varie tecnologie innovative sull’intera rete idrica dei territori veneti aderenti all’ATO Bacchiglione. Si parte con l’installazione di contatori “smart” per controllare l’erogazione di acqua da remoto e quindi conoscere in tempo reale i consumi per prevedere e agire nell’immediato su eventuali perdite. Segue l’efficientamento della ricerca perdite, attraverso la dotazione di strumenti sempre più innovativi e precisi per l’individuazione del punto esatto di perdita e quindi l’ottimizzazione del servizio, dando supporto al personale operativo.

Si procede poi con la riduzione delle pressioni in rete, trovando attraverso appositi strumenti il valore ottimale della pressione da mantenere nella rete per fornire un servizio di qualità e senza interruzioni, riducendola però al minimo indispensabile per limitare le perdite ed evitare sprechi. Il tutto avverrà attraverso l’utilizzo di speciali algoritmi, con un’analisi avanzata della rete data dall’intelligenza artificiale e in particolar modo dal machine learning: ciò significa incrociare i dati storici delle perdite con gli attuali consumi, per prevedere dove e come insorgeranno le future perdite e le criticità di rete.

Infine, sarà estesa in tutto il territorio (3.220 km di rete) la distrettualizzazione delle reti, per monitorare in ogni zona il flusso di acqua in entrata e in uscita in tempo reale, che è già stata realizzata su Padova da AcegasApsAmga e nella Valle dell’Agno da Viacqua.

 

I vantaggi per il territorio

Il progetto “Sustainable water management” produrrà un impatto sociale di sviluppo del territorio sia in termini di riduzione dei consumi e messa disposizione della risorsa idrica per altri usi (industriali o agricoli) sia in termini di impatto occupazionale, in quanto consentirà un generale impulso alle imprese del territorio, con assunzioni dirette ed indirette per l’esecuzione dei lavori previsti.

I Gestori idrici della Rete sono inoltre impegnati in un profondo percorso di sviluppo delle risorse umane interne riguardanti i temi tecnologici e legati alla digitalizzazione in continuo scambio con gli enti di formazione del territorio (scuole, università, ordini professionali) che ha permesso di affrontare la proposta con un elevato livello di competenza e redigendo con personale interno la proposta progettuale finanziata.

 

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete