01/02/2022
Servizi a Rete

Nuove Acque: i fondi del PNRR per il nuovo approvvigionamento idrico di Chiusi

Sarà realizzato con i fondi del PNRR (Piano Nazionale di Rilancio e Resilienza) il Progetto Montedoglio Sud I Stralcio. Si tratta di un importante progetto, messo a punto da EAUT – Ente Acque Umbre Toscane e Nuove Acque, che consentirà di utilizzare le risorse idriche dell’invaso di Montedoglio per garantire l’approvvigionamento idrico del comune di Chiusi, in provincia di Siena.

Nel dettaglio, l’opera prevede la realizzazione di una condotta idrica con partenza dall’invaso, in concessione dall’EAUT, che si estenderà fino al nuovo by-pass di interconnessione con la condotta di diramazione di Nuove Acque, nel comune di Chiusi. La condotta di adduzione principale avrà uno sviluppo complessivo di 7,5 km. Di questi, 5 km saranno nel nel territorio della cittadina della provincia di Siena e 2,5 in quello di Castiglion del Lago, in provincia di Perugia.
 

Un progetto dalla valenza plurima

La realizzazione del progetto ha una valenza plurima, con importanti risvolti anche ambientali. Innanzitutto, il collegamento al sistema Montedoglio metterà a disposizione degli abitanti di Chiusi acqua di migliore qualità rispetto a quella attualmente distribuita. Acqua che ora proviene dal Lago di Chiusi, che rappresenta l’unica fonte di approvvigionamento per la cittadina. In questo modo, grazie a minori prelievi, sarà preservato il livello idrico e, quindi il benessere del Lago stesso.

Ma non solo. L’acqua prelevata dall’invaso consentirà anche l’irrigazione delle aree che si estendono lungo lo sviluppo della condotta

  • incrementando la quantità della risorsa idrica
  • garantendo la continuità del servizio nei periodi estivi e nelle stagioni particolarmente secche
     
Oltre 3,8 milioni dal PNRR

L’opera, messa in programma da tempo da Nuove Acque, potrà essere realizzata entro tempi relativamente brevi, grazie al finanziamento stanziato nel PNRR, pari a 3.850.000 euro. Resta infatti da terminare la fase procedurale. EAUT, beneficiario dei fondi, ha già ritrasmesso la documentazione al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) per la verifica tecnico-economica. Superato questo passaggio e ottenuto il via libera dalla Sovrintendenza, si potrà procedere con la pubblicazione del bando per assegnare e dare al via i lavori entro fine anno.
 

L’impegno per il territorio

«Continua il nostro impegno per offrire in tutto il territorio un servizio sempre più valido in termini sia qualitativi che quantitativi – ha commentato Paolo Nannini, presidente di Nuove Acque –. L’arrivo dei fondi del PNRR che l’Ente Acque Umbre Toscane ha ottenuto dal governo e che ora mette a disposizione di Nuove Acque è un’ottima notizia per i cittadini. I quali potranno godere dei benefici derivanti dai lavori che abbiamo svolto e che continuiamo a effettuare in tutto il territorio di nostra competenza grazie alle collaborazioni con tutte le istituzioni».

 

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete