15/11/2017
Servizi a Rete

Nasce Acquevenete, il nuovo gestore idrico del Polesine e della Bassa padovana


Si chiama Acquevenete ed è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di 110 comuni tra il Polesine e la Bassa padovana, che nel complesso totalizzano un bacino d’utenza di 500.000 persone. La nuova realtà è frutto della fusione di Polesine Acque e Centro veneto servizi (Cvs), operazione realizzata con un percorso durato 3 anni, e sarà operativa a partire dal prossimo primo dicembre. A illustrare i primi obiettivi, il neopresidente Piergiorgio Cortelazzo, ex presidente di Cvs, insieme ad Alessandro Ferlin, ex presidente di Polesine Acque, e i dirigenti delle due aziende. «L’obiettivo più importante è fermare l’aumento delle tariffe, anzi l’idea è di ridurle del 2% – ha spiegato Ferlin – Inoltre, abbiamo previsto un investimento sul territorio di 50 milioni di euro entro il 2020». Investimenti sulle reti che per il prossimo anno ammonteranno in totale a 21 milioni, dei quali 9 destinati al territorio del Polesine e 12 a quello della Bassa padovana. Il numero uno di Acquevenete ha anche confermato che nella nuova realtà sono stati assorbiti tutti e 300 i lavoratori in forza alle due società, rassicurando anche i comuni soci di Polesine Acque che i crediti che vantano verso il precedente gestore saranno restituiti. Al momento, e fino al primo dicembre, data per la quale è fissata la prima assemblea dei 110 comuni soci, il consiglio d’amministrazione della nuova società resta quello di Cvs.

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete