20/04/2017
Servizi a Rete

La progettazione cleantech e la circular economy. L’esperienza del Cluster lombardo per l’energia e l’ambiente


Luca Donelli – Presidente di LE2C

L’Ue studia norme sull’economia circolare, basata sul concetto che gli scarti siano riutilizzati come risorse. Va armonizzato un sistema dove la Germania ricicla il 66% dei rifiuti e la Repubblica Ceca solo il 30%. Ma l’Italia parte bene. I rifiuti riutilizzati diventano fonte di ricchezza per le imprese e per l’ambiente. Ecco perché il green è un’opportunità per le industrie e per i centri di ricerca che fanno innovazione.

Anche la Strategia Nazionale per l’energia va in questa direzione, e si prefigge di raggiungere e superare obiettivi ambientali Clima-Energia “20-20-20”:

  • Penetrazione delle rinnovabili nell’energy mix a 17,5% nel 2015 vs 17% target 2020
  • Consumi finali 2015 a 116 Mtep, inferiori a target 2020 di 126 Mtep (ton petrolio equivalente)
  • Riduzione emissioni Gas Serra 2015 di ~16% vs livelli 1990, superiore a target 2020 di ~10%

Il tema è ampio e complesso, gli attori da coinvolgere sono tanti, le sfide tecnologiche solo in parte superate.

La direzione è chiara dobbiamo andare verso la decarbonizzazione attraverso una maggiore efficienza energetica e un maggior uso di fonti alternative e rinnovabili. Questo processo, in un contesto globale, implica che le imprese e l’industria devono collaborare con la Ricerca e vice versa, in maniera da incrementare l’innovazione ed essere più competitivi in un mondo globale.

Questa è proprio La MISSIONE del Lombardy Energy Cleantech Cluster, promuovere sinergie tra il mondo imprenditoriale e quello della ricerca al fine di incrementare la competitività dei suoi associati, l’innovazione e rafforzare il sistema territoriale nel suo complesso.

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete