Iren: a Scarlino il nuovo polo di economia circolare

Procede l’operazione di bonifica dell’impianto di Scarlino (GR), gestito da Iren Ambiente, società del Gruppo Iren. Nel corso della visita all’area di cantiere, alla presenza del Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, dell’Assessora regionale all’Ambiente Monia Monni e dei sindaci del territorio, il gestore ha annunciato l’avvenuta demolizione dei due vecchi camini del termovalorizzatore e illustrato le prossime azioni per la conclusione della fase di bonifica a cui seguirà il completamento della demolizione degli impianti.

L’avvio dei cantieri

La fase preliminare del nuovo progetto prevede il recupero e lo smaltimento di rottame metallico, coibentazioni, refrattari, inerti (dal cemento armato), oltre allo smaltimento dei terreni inquinati. In seguito, Iren Ambiente provvederà, previo ottenimento dell’idonea certificazione, all’avvio del progetto per il polo integrato di economia circolare, con un investimento di 150 milioni.

Le nuove tecnologie

L’innovativo progetto prevederà l’installazione di quattro impianti: uno dedicato al trattamento pulper (scarti da cartiera) e plastiche non valorizzabili da impianti di recupero; uno per la depurazione di rifiuti liquidi, che prevede l’ampliamento dell’impianto esistente di trattamento chimico-fisico con l’aggiunta della sezione di trattamento biologico, in grado di depurare flussi contenenti metalli e componenti organiche e ammoniacali; uno di trattamento del legno e uno di valorizzazione dei fanghi, mediante sistema «hydro thermal carbonization», che produrrà un bio-carbone adatto per vari usi (combustibile, materia prima equivalente o fertilizzante).

È fondamentale per il Gruppo Iren condividere con le istituzioni questo importante progetto – ha dichiarato Eugenio Bertolini, Amministratore Delegato di Iren Ambienteche crea valore per il territorio provinciale e regionale. Il sito di Scarlino vedrà un totale rinnovamento, grazie alla realizzazione di un polo “integrato”, unitario, con interazioni tra i vari ambiti, e “circolare”, per generare prodotti dai rifiuti. Una nuova vita per questa struttura, per l’ambiente circostante, e per il territorio”.

“È emozionante vedere questo cambiamentoha affermato Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana -. La Toscana ha scelto di procedere senza indugio sulla rotta dell’economia circolare. La nuova programmazione regionale segue una strategia chiara, che mira al recupero e al riciclo dei materiali tratti dalla raccolta differenziata. Oggi vediamo cambiare anche Scarlino, un’area dalla forte vocazione produttiva, che sarà di nuovo protagonista dell’economia Toscana, grazie al nuovo Polo, capace di recuperare importanti materiali a servizio dei vari distretti”.

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete