04/05/2015
Servizi a Rete

I costi ambientali della tariffa idrica nei documenti di consultazione dell’AEEGSI

La Direttiva Quadro 2000/60/CE prevede di pianificare la gestione delle acque tenendo conto del principio “chi inquina paga” e avendo cura di tutelare la qualità del patrimonio idrico.
Nello specifico ogni utilizzatore deve sostenere i costi legati alle risorse idriche consumate, compresi i costi ambientali e quelli delle risorse.
I prezzi a loro volta devono inoltre essere direttamente legati alla quantità di risorse idriche impiegate o all’inquinamento prodotto, con l’obiettivo di indurre gli utilizzatori a impiegare le risorse idriche in modo più efficiente e a produrre meno inquinamento.
Tenendo conto di tali principi, già dal documento per la consultazione 339/2013/R/IDR AEEGSI ha avviato le valutazioni in merito ai costi ambientali e della risorsa, tenendo conto anche delle esigenze in termini di investimenti nel settore.
Con il documento di consultazione DCO 299/2014/R/idr l’AEEGSI ha avviato un percorso di confronto e analisi della situazione della depurazione in Italia, allo scopo di predisporre un sistema di regolazione coerente con gli indirizzi UE e con la situazione di riferimento in Italia.
Con il successivo DCO 620/2014/R/idr invece l’Autorità ha riportato gli orientamenti finali sul tema oggetto di consultazione, a seguito degli ulteriori approfondimenti svolti e tenuto conto delle osservazioni pervenute alle proposte del precedente documento per la consultazione 299/2014/R/IDR.

Se ne discuterà a Ravenna il prossimo 21 maggio, nel Workshop Il servizio di depurazione in Italia tra regolazione e industria organizzato da LUEL e ACQUAINFO in occasione dell’evento Ravenna2015 – fare i conti con l’ambiente.

Link: http://www.labelab.it/ravenna2015/events/workshop-luel/

luel_logoacquainfo_logolhub_logo in collaborazione con Sar Network_Low

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete