06/03/2017
Servizi a Rete

Giallo alla diga del Pertusillo


La diga del Pertusillo, che sorge a pochi chilometri da Potenza, è un invaso che contiene 150 milioni di metri cubi di acqua, proveniente da 650 sorgenti sotterranee. Un’infrastruttura che garantisce l’approvvigionamento di acqua potabile a 4 milioni di utenze in Puglia e Basilicata.
Su queste acque, però, incombe una macchia marrone, rilevata grazie a una foto scattata da un drone, che sta inquietando non poco i cittadini delle due regioni.
A preoccupare i cittadini, in particolare, il timore che la macchia sia dovuta alla presenza di idrocarburi, dal momento che la diga è circondata da 27 pozzi attivi di estrazione di idrocarburi e dista solo pochi chilometri dal Centro Oli di Viggiano (Potenza).
Ipotesi, però, smentita da ARPAB, l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale di Basilicata: dai rilievi effettuati d’urgenza risulta che i parametri chimici e microbiologici sarebbero assolutamente nella norma, con totale assenza di idrocarburi e coliformi enterococchi.
Rassicurazioni in merito sono arrivate anche da Acquedotto Pugliese che, in una nota, ha garantito sulla qualità delle acque distribuite e provenienti dall’invaso, sottolineando come tutte le analisi condotte costantemente sia sull’acqua in ingresso sia su quella potabilizzata dall’impianto a valle della diga non abbiano mai manifestato anomalie, né rilevato la presenza di idrocarburi totali o di idrocarburi policiclici aromatici. L’azienda inoltre ha garantito il costante monitoraggio della situazione, per garantire la totale sicurezza.

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete