23/12/2016
Servizi a Rete

È attivo il sistema di depurazione di Selva di Imola


Il sistema di depurazione di Selva, località di Imola, è attivo e funziona nel rispetto dei parametri stabiliti dalla normativa della Regione Emilia Romagna. È il risultato della riunione svoltasi a Imola – su convocazione del Difensore civico regionale Gianluca Gardini – sulla questione che si trascinava da tempo della fossa Imhoff utilizzata per la depurazione degli scarichi della località imolese.
All’incontro hanno preso parte Hera, il gestore del servizio, il rappresentante dei residenti della zona e i vari enti coinvolti nella vicenda, tra i quali Comune, Ausl, Arpa e Servizio area Reno e Po di Volano. Un incontro che finalmente ha fatto chiarezza sulla situazione, grazie ai dati dei controlli effettuati lo scorso anno da Arpa e Ausl, che hanno confermato il corretto funzionamento del sistema, messo in dubbio da un comitato di cittadini della zona.
È stato però riconosciuto che, sebbene nei limiti della normativa, in alcuni punti di scarico sono presenti tensioattivi, indice della presenza di acque saponose, che possono provocare problemi igienico-sanitari nelle aree interessate. Una presenza da non collegare necessariamente al sistema di depurazione ma che, come spiegato dagli enti preposti alla vigilanza, potrebbe dipendere anche dalla mancanza di adeguati trattamenti delle singole utenze allacciate al sistema di depurazione.
Hera ha comunque confermato l’impegno ufficiale a collegare, già nel 2017, la fossa Imhoff con il depuratore Santerno (nella foto), in modo da porre fine a ogni possibile rischio: questo intervento richiederà un investimento di circa 400.000 euro e non graverà sulle casse pubbliche.

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete