24/01/2019
Servizi a Rete

Con la fibra di Open Fiber Palermo è la città più cablata del Mediterraneo

90 milioni di euro investiti, un picco di 40 cantieri al giorno con la presenza di 300 tra operai specializzati, tecnici e professionisti e ben 2.800 chilometri di fibra ottica stesi. Sono i numeri dei lavori eseguiti da Open Fiber per dotare Palermo di un’infrastruttura a banda ultralarga.

Lavori che la società ha completato con 5 mesi di anticipo rispetto al programma, raggiungendo con la fibra ottica in modalità FTTH (Fiber to the home) oltre 224.000 unità immobiliari, garantendo una velocità di connessione a cittadini, imprese e pubblica amministrazione di 1 Gigabit al secondo. Numeri che fanno del capoluogo siciliano la città più cablata del Mediterraneo.

I lavori sono stati effettuati privilegiando le modalità di esecuzione meno invasive e a minor impatto ambientale: il 91% della posa è stato eseguito con la tecnica della minitrincea, che prevede un taglio su strada largo 10 centimetri e profondo 35 subito ricoperto con malta cementizia. Trascorso il tempo necessario all’assestamento, si procede al ripristino definitivo con scarifica e posa dell’asfalto a caldo.

«Palermo è una delle prime città ad essere state avviate nell’ambito del Piano di Open Fiber per la realizzazione di una rete nazionale di telecomunicazione nei 271 principali centri urbani del Paese – ha dichiarato l’amministratore delegato di Open Fiber, Elisabetta Ripa -. Con il completamento del progetto nel capoluogo siciliano, Open Fiber conferma e rilancia la sua mission di player infrastrutturale per il superamento del digital divide che affligge l’Italia».

 

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete