19/07/2016
Servizi a Rete

Biometano dai rifiuti per alimentare i bus di Brescia


A2A e Brescia Mobilità, entrambi gruppi partecipati dal Comune di Brescia, hanno siglato un documento d’intesa per lavorare insieme partendo da quattro orizzonti di azione comuni: scuola, ambiente e mobilità, confronto con il territorio, smart city.
Sono già operativi gruppi di lavoro che dovranno tradurre i principi dell’intesa in iniziative concrete. Allo studio progetti educativi per le scuole, iniziative di ascolto, dialogo e confronto sul territorio, nuove tecnologie da smart city per facilitare la vita al cittadino, e un innovativo progetto sperimentale di «economia circolare»: la produzione di biometano dai rifiuti organici urbani derivanti dalla raccolta differenziata e dal compost che viene utilizzato in agricoltura. Il gas naturale che si potrebbe ricavare con i rifiuti organici urbani prodotti ogni anno a livello provinciale sarebbe già oggi in grado di alimentare l’intero parco autobus a metano di Brescia Mobilità (pari a 136 mezzi). Attualmente l’85% dei km percorsi in ambito urbano dai bus è a metano e da qui a fine 2017, con il rinnovo del parco veicoli, diventerà del 100%.
Brescia, punta a diventare una città sempre più sostenibile, con risultati eccellenti, come mostra anche l’abbattimento del 45% dei consumi energetici per l’illuminazione pubblica realizzato grazie alle lampade a led. Ma importanti novità potrebbero riguardare anche il termovalorizzatore. “Allo stato dell’arte il mix di tecnologie utilizzate ci assicura che stiamo producendo energia in modo efficiente – ha osservato Giovanni Valotti, presidente di A2A, in occasione della firma dell’intesa -, ma in futuro saremo pronti a spegnere l’impianto se dovessero essere disponibili tecnologie con un impatto migliore sull’ambiente”. Già oggi A2A sta sperimentando modalità alternative come il solare termico, ma le condizioni sono molto premature. Vero è che con l’impulso alla raccolta differenziata sono in calo i rifiuti conferiti all’inceneritore, “e con questa tendenza in atto lo spegnimento della terza linea diventerà di attualità nel prossimo futuro – ha commentato il sindaco della città Emilio Del Bono -. Bisognerà pensare ad altre modalità di produzione energetica, individuando soggetti partner per sostenere questi progetti innovativi”.

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete