07/03/2016
Servizi a Rete

Approvato il progetto per il completamento dell’acquedotto Monte Livata


Sono entrati nella fase decisiva i lavori per il completamento dell’acquedotto di Monte Livata a Subiaco (Roma). I lavori per il terzo lotto, finanziato dalla Regione Lazio con un contributo di 450.000 euro, che porteranno l’acqua fino alle porte del monte, procedono con la posa in opera della tubazioni. La Giunta del Comune laziale, intanto, ha approvato il progetto per il completamento definitivo dell’opera che prevede un costo complessivo di 2 milioni di euro, comprensivi dei lavori già in corso.

È stato anche definito di procedere al più presto alla realizzazione di un quarto lotto, per un investimento di circa 260.000, finanziato direttamente dal bilancio comunale, con il quale si provvederà a portare la condotta fino al cuore di Monte Livata, nel centro urbano della località Montana. Per l’approvazione dell’esecutivo e l’avvio delle procedure di gara si attendono i pareri di rito degli enti sovracomunali. Per la restante quota di progetto non finanziato, circa 1,2 milioni, necessari a completare l’intera opera, prevedendo la copertura completa del comprensorio livatese, compresa Campo dell’Osso e le zone limitrofe, sulla base delle risultanze del progetto, sarà inoltrata richiesta di contributo alla Regione Lazio.

Avere approvato finalmente un progetto complessivo ci permetterà di procedere con molta più rapidità verso il completamento definitivo – ha dichiarato il sindaco di Subiaco Francesco Pelliccia –. Ogni qualvolta ci saranno risorse disponibili, sia da bilancio comunale, sia da contributi regionali, potremmo stralciare un lotto e partire immediatamente con gli affidamenti, senza dover compiere mille passaggi burocratici. Terminare l’opera definitivamente è un obiettivo primario che dobbiamo e vogliamo raggiungere”.

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete