26/06/2017
Servizi a Rete

Acquedotto lucano mette in sicurezza lo schema idrico del Frida


Acquedotto Lucano ha concluso i primi due interventi, dei quattro previsti, finalizzati alla messa in sicurezza dell’acquedotto del Frida.
Il primo ha riguardato la ricostruzione della diramazione a servizio dei comuni di Grottole e Grassano, nella provincia di Matera, nel punto in cui l’alveo fluviale ha invaso il tracciato della condotta rendendone necessario lo spostamento per un tratto di 400 metri.
Il secondo intervento, invece, è stato eseguito in località Serra, e ha riguardato la ricostruzione di un tratto di condotta di circa 300 metri travolto da una frana: in pratica, è stata realizzata una derivazione a servizio dei comuni di Calciano, Grottole e Grassano.
Restano ancora da realizzare, però, due opere di carattere strutturale che l’azienda ha in programma e i cui finanziamenti rinvengono dal Patto per la Basilicata e che dovrebbero essere disponibili a breve.
Si tratta di un intervento dell’importo di 2,8 milioni di euro per la ricostruzione del sistema di adduzione a valle del serbatoio Bosco Garaguso, in agro di San Mauro Forte, mentre altri 9,2 milioni serviranno per adeguare altri tratti dello stesso schema idrico.

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete