19/05/2021
Servizi a Rete

Abbanoa investe forte nella depurazione

Rendere i processi di depurazione sempre più efficienti, orientati alla sostenibilità ambientale e al contenimento dei consumi energetici. Sono i diversi target, ma strettamente legati tra loro, che Abbanoa mira a raggiungere nel campo del trattamento dei reflui. Un impegno al quale il gestore idrico della Sardegna ha dedicato un importante volume di investimenti, pari a 250 milioni di euro nei prossimi 5 anni. Impegno che ora si appresta a diventare realtà, grazie alla firma dei contratti per la manutenzione degli impianti di depurazione, di sollevamento fognario e di pretrattamento con le aziende che si sono aggiudicato il bando per la loro conduzione.

Un parco infrastrutture capillare

Il bando di gara, tra i più importanti a livello nazionale, puntava infatti non solo alla conduzione ordinaria degli impianti, ma anche a garantire l’introduzione di innovazioni tecnologiche e a garantire una maggiore efficienza dei processi di depurazione. Interessato dall’operazione l’intero parco di infrastrutture di Abbanoa nel campo della depurazione. Un parco capillarmente diffuso sul territorio e costituito da 339 depuratori, 898 impianti di sollevamento e 41 sistemi di pretrattamento. Impianti che garantiscono la depurazione di oltre 400 milioni di litri di reflui al giorno, provenienti dagli scarichi di 720.000 utenze e raccolti tramite 6600 chilometri di reti fognarie.

Razionalizzare il sistema depurativo sardo

Il sistema comprende alcuni grandi impianti, tra i quali i principali sono quelli di Is Arenas a Cagliari, al servizio di gran parte dell’area metropolitana, di:

  • Funtana Veglina a Sassari
  • Tossilo a Macomer
  • San Marco ad Alghero

Nella stessa categoria rientrano anche i depuratori di:

  • Mulgianu ad Arzachena
  • Sa Stoia a Iglesias
  • Sa Corroncedda a Olbia
  • Muzzeddu a Santa Teresa di Gallura

A questi di aggiunge una miriade di piccoli sistemi.

Per razionalizzare il sistema depurativo sull’intero territorio dell’isola, Abbanoa mira a eliminare gli impianti piccoli e poco efficienti in favore di infrastrutture consortili al servizio di più centri. Non a caso, i lavori assegnati prevedono la chiusura di 50 piccoli impianti e il rinnovo tecnologico di 100.

Il riuso a fini irrigui

Ma l’impegno per una depurazione sostenibile si manifesta anche nel costante sistema di monitoraggio degli impianti stessi e dell’acqua trattata. Questo vede ogni anno oltre 50.000 verifiche sui parametri chimici e biologici delle acque reflue. Inoltre, l’azienda è attiva anche sul fronte del riuso delle acque trattate. Importanti risultati sono stati già raggiunti con il loro reimpiego a fini irrigui, con oltre 1,2 milioni di metri cubi all’anno di acque affinate e pronte per essere utilizzate per agricoltura o verde pubblico.

 

 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 

Ti potrebbero interessare anche

Ricevi le nostre ultime news

Iscriviti alla nostra newsletter

Richiedi abbonamento

Compila i campi per richiedere il tuo abbonamento alla rivista Servizi a Rete